Southern Spirit Music Blog: The Very Best of Free and Bad Company ( CD – 2010 ) + Bad Company ” Hard Rock Live ” ( CD + DVD – 2010 )

Lascia un commento

Southern Spirit Music Blog: The Very Best of Free and Bad Company ( CD – 2010 ) + Bad Company ” Hard Rock Live ” ( CD + DVD – 2010 )

Annunci

I miei video del momento…ma solo grande musica ovviamente !

2 commenti

Se c’è una cosa di cui dobbiamo ringraziare le nuove tecnologie e iniziative informatiche , e in particolare You Tube nel mio caso , è la incredibile mole di materiale video/musicale che si è riversata sui nostri pc.
Accanto a idiozie e imbecillità varie questo portale ha infatti portato alla luce una quantità di materiale audio video in campo musicale veramente straordinario e in parte inaccessibile.
Troviamo infatti frammenti di concerti ufficiali riversati in DVD , ma anche in VHS , e numerosi video amatoriali o semi amatoriali veramente notevoli con autentiche perle musicali di artisti già affermati e musicisti veramente validi in cerca di notorietà.
Detto questo vado a presentarvi una serie di video tra i miei preferiti al momento , non tanto per la parte video ma specialmente per quanto riguarda il contenuto musicale , attenendomi ovviamente ai mei gusti piuttosto ampi in campo musicale. Prendetevi tutto il tempo necessario per godere in pieno della grande musica che andrò a proporvi , ovviamente sarò ben lieto di leggere i vostri commenti o critiche in merito.

Andiamo a iniziare questa mini rassegna col grandissimo e indimenticabile bluesman Stevie Ray Vaughn in una strepitosa versione live di ” Texas Flood ” , uno dei suoi pezzi più famosi qui dilatato e impreziosito da assoli e riff mozzafiato.

Proseguiamo con i Lynyrd Skynyrd , icone incontrastate del Southern Rock nella meravigliosa versione live dalla indimenticabile ” Sweet Home Alabama ” tratta dal film documentario ” Freebird – The Movie “.

Passiamo poi ai ” nuovi ” Allman Brothers Band rivitalizzati e rigenerati dalla preziosa presenza di due fenomenali chitarristi quali Warren Haynes e Derek Trucks , in una splendida versione live della celebre ” Ain’t Wastin’ Time No More “.

Ed eccoci all’inossidabile Neil Young , il mio musicista preferito in assoluto. Davvero difficile scegliere tra la sua immensa discografia , ma ho scovato questa ottima versione live della celebre ” Powderfinger ” , forse non una delle versioni migliori in assoluto, per capirci quella di ” Live Rust ” ma certamente degna di attenzione.

Torniamo al Southern Rock più puro e genuino con i Rebel Pride , una band di Tampa ( Florida ) che si rifanno apertamente ai grandi del passato in modo molto spontaneo, divertente e energico.
Mi piacciono davvero molto nella loro semplicità , ascoltateli attentamente , ne vale la pena.

Chiudiamo per il momento il discorso con un gruppo che non ha molto a che fare con i precedenti , ma che in ambito di Hard Rock moderno non mi dispiacciono affatto. Si tratta degli Alter Bridge che non sono altro che la reincarnazione dei Creed con un cantante nuovo , ovvero Myles Kennedy , che si rivela un eccellente vocalist , potente e pulito al tempo stesso. Ottimo anche alla chitarra Mark Tremonti che è molto migliorati nel tempo. In ambito Hard e Heavy in chiave moderna sono tra i pochissimi gruppi che ascolto con piacere oltre ai Black Stone Cherry di cui poi magari vi parlerò.

Per il momento chiudo qui ma mi riprometto una seconda o terza puntata sull’argomento più avanti , ci sono ancora tantissimi artisti di cui vorrei parlare e farvi ascoltare qualcosa.
Attendo in ogni caso i vostri commenti.
Saluti… e naturalmente alzate il volume e buon ascolto 😉

CHAINBREAK3R – rock e fede in perfetta armonia.

4 commenti

chainbreak3r2Da sempre in campo musicale si dibatte sulla estrema incompatibilità e contrapposizione tra musica rock e religione.

Spesso in passato la musica Rock è stata associata al male, definita la musica del Diavolo e del maligno, legata a pratiche esoteriche e istigatrice di violenza ,nemica delle fedi e delle religioni, spesso con risvolti e risultati assolutamente risibili e ridicoli per non dire di una stupidità imbarazzante.

A sfatare per l’ennesima volta questa colossale idiozia ci pensano i Chainbreak3r, ottimo terzetto musicale di Phoenix ( Arizona ) fautore di un eccellente Southern Rock/Blues.

Il riferimento alla fede e alla religione deriva dal fatto che i Chainbreak3r sono assolutamente devoti e professano attivamente la religione Cristiana in ogni modo , attraverso i loro testi , nei loro concerti , nel loro sito , http://www.chainbreak3r.com/ , definendosi una Christian Southern Rock Band.

Tralasciando per un momento la loro vocazione e concentrandosi sull’aspetto musicale devo dire che la qualità musicale non si discute e la loro musica è veramente di ottima fattura e qualità, con chiari riferimenti al sound tipicamente Southern ,anche se con un suono scarno , diretto e senza fronzoli.

Il terzetto è formato da Jay Harris alla chitarra e voce , Jeff Robinson al basso e John Compala alla batteria.

Ho avuto modo di scambiare qualche battuta con loro su ASR e mi sono trovato di fronte a persone veramente semplici  e alla mano e ne ho ricavato una ottima impressione , devo anche dire che sono rimasti piuttosto sorpresi di scoprire che qualcuno in Italia li conosceva.

In sostanza mi piacciono e mi ispirano tanta simpatia , vi invito a cliccare sul loro MySpace dove potete ascoltare alcuni brani del loro finora unico lavoro.

http://www.myspace.com/jayschainbreaker

Share

Molly Hatchet – Molly Hatchet ( Vinile – 1978 )

2 commenti

molly-hatchet3

La splendida illustrazione di questo album ad opera del fenomenale illustratore Frank Frazetta ci presenta il primo bellissimo album dei Molly Hatchet , che posseggo in vinile.

Originari anche loro di Jacksonville ( Florida ) come i Lynyrd Skynyrd , i Molly si formano intorno alla metà degli anni ’70 e seguono la strada del Southern Rock incantati dai loro amatissimi  e stimatissimi amici Lynyrd Skynyrd.

In questo primo lavoro si nota tutta l’influenza dello stile Skynyrd , anche se prevale una componente leggermente più Heavy che verrà comunque confermata e consolidata dal secondo album in poi .

Questo è un disco veramente bello per gli appassionati di Southern Rock , anche se forse il loro migliore lavoro è il successivo ” Flirtin’ With Disaster “ dove il sound si fa leggermente più pesante pur mantenendo un tono Southern ben definito.

Si parte con ” Bounty Hunter ” , dove si percepisce subito l’influenza dei Lynyrd Skynyrd che comunque fa da sfondo a a quasi tutto l’album , poi arriva uno dei cavalli battaglia di tutta la musica Southern , ovvero ” Gator Country ”  ( e il titolo già la dice lunga ) una bellissima cavalcata che non è altro che un sentito omaggio alla terra natia e agli straordinari artisti che l’hanno resa famosa con la loro musica.  Il testo è un susseguirsi di strofe inneggianti a Jacksonville , alla Florida ( terra di alligatori appunto ) e di nomi di artisti come Lynyrd Skynyrd , Allman Brothers Band , Marshall Tucker band , Charlie Daniels Band , ecc…insomma un sentito tributo ai grandi del Southern Rock.

Il lato 2 si apre con la bellissima  ” Dreams ” degli Allman Brothers Band , qui in una eccellente versione  e prosegue con altri 3 pezzi di ottima fattura dove l’anima Southern e l’energia elettrica  dei Molly emerge in tutta la sua esuberanza.

Sto scrivendo queste noto proprio mentre il gruppo ha intrapreso una veloce serie di concerti a Piacenza e Bologna , che purtroppo non sono riuscito a vedere .

Mi preme sottolineare una caratteristica veramente particolare dei Molly Hatchet , e cioè la scelta di tutte le copertine dei loro lavori. Fin da questo primo album si sono avvalsi dell’opera di fantastici illustratori di tematiche fantasy come Frank Frazetta e  Boris Vallejo…per gli appassionati di fumetto e illustrazione come me varrebbe solo questo per giustificarne l’acquisto , ma poi c’è pure la musica…e che musica !!

Vi segnalo inoltre il  loro bellissimo sito , uno dei più belli in assoluto quanto a grafica e contenuti.

Ecco l’audio di Gator Country , tanto per farvi un’idea….

Share

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: